A chi non ha il coraggio di firmarsi ma non si vergogna di offendere anche a chi non (?) lo merita.

Eventuali commenti a post di questo blog non verranno pubblicati sia se offensivi per l'opinione pubblica e sia se non sottoscritti dai relativi autori. Se non avete il coraggio di firmarvi e quindi di rendervi civilmente rintracciabili... siete pregati di tesorizzare il vostro prezioso tempo in modo più intelligente (se vi sforzate un pochino magari per sbaglio ci riuscirete pure).
* * *
A decorrere dall'8 settembre 2017 i commenti anonimi sono disabilitati. Mi spiace per la sedicenti Elvira alias Elviro... cari compaesani. Ma ci tengo all'EDUCAZIONE e l'anonimato è tutto tranne che... EDUCAZIONE.
* * *
Ricordo ad ogni buon file l'indirizzo di posta elettronica legata a questo sito/blog: pietroperri@sanfili.net

mercoledì 25 aprile 2018

E se analizzassimo anche l’acqua della fontana/sorgente di via Danise alla frazione Bucita di San Fili? (2)


Per dovere di cronaca.
Successivamente alla mia richiesta indirizzata al sindaco ed al responsabile dell’Ufficio Tecnico di San Fili sul fatto che, non risultandomi un regolare controllo della potabilità dell’acqua che sgorga dalla fontana pubblica sita in via Danise della frazione Bucita, giorno 18 aprile 2018 ho ricevuto tramite pec (posta elettronica certificata) la seguente comunicazione:
*     *     *
Sig. PERRI Pietro
GRUPPO MISTO CONSILIARE
SEDE

Sig. SINDACO
Dott. ARGENTINO Antonio
SEDE

OGGETTO: analisi acque potabili rete comunale.

In riscontro alla Sua nota del 23/03/2018, acclarata al Protocollo di questo  Ente in pari data al n.ro 3145, circa il controllo periodico delle acque destinate al consumo umano, si informa che per quanto riguarda la fontana- sorgente "Pulizia" la campionatura viene comunque effettuata, anche se con cadenza diversa rispetto alle altre e di cui si allega copia.
Per quanto riguarda la fontana - sorgente "Danise" vista la Sua segnalazione verrà programmata una campionatura durante la prossima verifica.
Tanto per quanto dovuto, si coglie l'occasione per porgere Cordiali Saluti

Il Responsabile U. T.C. - Area Urbanistica
(Geom. Sangermano Giuseppe)
*     *     *
Credo che con questa risposta (specie se alla stessa seguiranno, cosa che non dubito, i fatti) quanti continuano ad apprezzare la bontà dell’acqua che sgorga dalla sorgente di via Danise a Bucita oltre che hai benefici di tale acqua avranno anche la consapevolezza della salubrità della stessa e quindi cesseranno strane e periodiche dicerie in merito.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

domenica 22 aprile 2018

CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI SAN FILI (17).


Volendo rispettare alcune promesse che mi sono fatto nel corso di tanti anni di attività “anche... e non solo” di politica locale e che mi vedono finalmente membro del Consiglio Comunale di San Fili, comunico (in base all’invito che mi è appena giunto) che per VENERDI’ 27 APRILE 2018 alle ore 9,00 in prima convocazione (ed eventualmente alle ore 10,00 in seconda convocazione) del medesimo giorno è convocato in sessione ordinaria, con seduta pubblica, il CONSIGLIO COMUNALE DI SAN FILI.
La riunione avrà luogo presso la sala consiliare del paese e prevede la trattazione del seguente punto all’ordine del giorno:

1) Approvazione del rendiconto della gestione per l'esercizio 2017 ai sensi dell'art. 227 del d.lgs. n. 267/000;
2) L.R. 44/2016 - DGR 91/2017 - Finanziamento lavori di "Completamento viabilità comunale" per euro 125.000,00 - Contributo rata ventennale € 6.500,00 - Variazione al bilancio di previsione 2018/2020 di allocazione e della connessa spesa - Autorizzazione alla contrazione del prestito con la Cassa DD.PP.;

Di seguito e senza interruzioni verranno trattati i seguenti argomenti richiesti dal Gruppo di opposizione "San Fili nel Cuore":

3) Progetto definitivo dei lavori di "Recupero funzionale, adeguamento sismico e riutilizzo di un edificio di proprietà comunale, da adibire ad alloggi da destinare a minori stranieri non accompagnati, sito in via S. Lucia - n 6, Comune di San Fili (CS)" - Avviso pubblico POR Calabria FESR FSE 2014/2020 Asse 9 "Inclusione sociale" - Azioni 9.3.5 - 9.4.1 - 9.4.4 concessione di contributi finalizzati al potenziamento del patrimonio pubblico esistente adibito ad usi socio-educativi e ad alloggi sociali (Social Housing) - Deliberazione di Giunta comunale n. 99 del 13/12/2017 - Discussione.

Da parte mia non posso non sperare in una giusta presenza di Sanfilesi alla succitata riunione. del Consiglio Comunale di San Fili... e non solo perché anche io oggi ne faccio parte ma perché anche tu - da elettore e cittadino - è giusto che ne sia partecipe.
*     *     *
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... si vis pacem para bellum”!

venerdì 20 aprile 2018

Aforismi e d'intorni by Pietro Perri su Facebook – gennaio/aprile 2014.


Scrivendo quasi quotidianamente su Facebook con una certa regolarità immetto nello spazio relativo al "cosa stai pensando" alcune stupide e/o intelligenti intuizioni (aforismi?) che, mi sono detto, perché non li pubblico anche su questo (il mio) blog?
L'idea, ovviamente, non è detto che debba per forza piacere a tutti e quindi essere condivisa… da tutti (io… la condivido).
*     *     *
14 gennaio 2014.
... a volte mi sforzo di fare l'imbecille per non fare sentire inferiori alcuni miei interlocutori. Per quanto riesca comunque nel mio intento... mi rendo conto che questi miei interlocutori sono i rappresentanti d'una imbecillaggine decisamente ultraterrena... ed io sono tutto tranne che un extraterrestre.
Se la mamma degli imbecilli è sempre incinta (lo ricordava persino un mio caro amico qualche giorno addietro in un suo post/commento su Facebook... dimenticandosi la sua mamma è la mamma delle mamme degli imbecilli) alcune meriterebbero l'oscar per la loro opera celestiale.

15 gennaio 2014.
Adoro i gatti... anche se non sempre sopporto gli animali... quasi mai a dire il vero!
Adoro i gatti e forse un po' li invidio pure: adoro la loro libertà ed il loro sentirsi di non appartenere a nessuno. Che dignità, nei gatti!
... adoro i gatti e forse un po' li invidio pure: adoro quando fanno le fusa e quando mi ringraziano se faccio un gesto cortese nei loro confronti: è difficile farsi ringraziare da un gatto... ma con un po' d'impegno si ci può anche riuscire.
... il gatto è un traditore? ... quanta umanità riscopro nei gatti!

16 gennaio 2014.
“Chi dimentica il passato è condannato a riviverlo”... diceva Primo Levi e... diceva pure bene.
Il problema è che ormai nessuno di noi (della mia generazione e delle generazioni immediatamente prossime) ha un passato da ricordare. Quindi? ... prepariamoci a rivivere il passato dei miei nonni e di mio padre (le ultime due guerre mondiali, le dittature nazifasciste e via dicendo): ce lo meritiamo!
Dopo, forse, avremo anche noi un passato da ricordare e la finiremo una volta per tutte di inneggiare a Mussolini e company come fossero stati dei poveri cristi destinati alla croce.
... solo imparando dalla storia gli errori di quelli che ci hanno preceduto potremo evitare di cadere in qualcuno degli stessi errori.
La Storia? ... serve!
... by Pietro Perri!

16 gennaio 2014.
... il crocefisso nelle nostre scuole è la cosa che maggiormente ci ha portato in questa situazione del cavolo. La scuola dovrebbe insegnare la laicità e l'uguaglianza agli studenti. Non la sudditanza di simboli sempre più privi di significato!

16 gennaio 2014.
PUNTI DI s-VISTA: ci sono in tanti ormai in Italia che vorrebbero ritornare alla lira. Alcuni di questi oltretutto senza neanche conosciuta.
Personalmente più che volere ritornare alla lira vorrei che le lire finite illegalmente all'estero negli ultimi cinquanta anni ritornassero in Italia.
Anche se sottoforma di euro!

27 gennaio 2014.
"Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario. Tutti coloro che dimenticano il loro passato, sono condannati a riviverlo" (Primo Levi).
Primo Levi, simbolo della Shoah e memoria costante (dalla sua uscita dai campi di concentramento nazisti al momento in cui decise di porre fine alla sua esistenza) non ha mai smesso di "imporci" tale concetto.
Il vero crimine è "dimenticare". Il vero crimine è dimenticare non solo di come si sono svolte determinate sciagure ma anche e sopratutto cosa ha acceso la miccia perché tutto avesse inizio e proseguisse in modo indisturbato.
Chi sono i criminali della Seconda Guerra Mondiale? ... solo i Tedeschi di Hitler o anche quanti (Inglesi, Francesi, Russi ed Americani in primis) hanno fatto finta di non vedere tanto il problema non era loro?
... qualcuno ipotizza che in parte tale atteggiamento sia stato portato avanti anche dagli Ebrei non Europei (come se il problema - e forse su questo fronte avevano anche ragione - non era anche loro). Hitler ha potuto fare determinate cose anche e sopratutto perché tanti, del suo tempo, avevano... NEGATO!!! ... così come tanti, oggi, stanno facendo e non solo con gli Ebrei.
Ma forse oggi gli Ebrei non si chiamano più Ebrei ma si chiamano Negri, Africani, Ucraini, Greci... quanto prima anche Italiani, Portoghesi e Spagnoli.
... by Pietro Perri.

27 gennaio 2014.
Ho letto più libri di primo Levi: "Se questo è un uomo", "La tregua", "I Sommersi ed i salvati"... Credo sia uno dei pochi alla fine ad aver capito che non bisogna limitarsi a ricordare la tragedia (in cui arrivò a mettere sullo stesso piano vittime e carnefici) ma anche e sopratutto mantenere fisso nel proprio cervello il perché ed il come... tutto è iniziato.
In poche parole alla fine è arrivato al giusto concetto che... tutti possiamo essere ebrei.
Ed ovviamente non mi riferisco ad ebrei in quanto popolo.

24 febbraio 2014.
Le certezze le danno i colti.
Peccato che i colti nove volte su dieci tutto sono tranne che delle persone acculturare.
Le certezze? ... è più facile che ci vengano elargite dagli ignoranti che dai colti: questi, infatti, sono in numero decisamente maggiore e sono consapevoli della loro superiorità culturale. Solo un ignorante può essere certo - e quindi accettarle e contentarsi senza porre dubbi in merito - delle proprie certezze.
... adoro ed invidio... gli ignoranti che non sanno di esserlo. Anzi, che infondono negli altri le proprie convinzioni e certezze.

8 marzo 2014.
... un bacione a tutte le donne del mondo (... tranne alcune, pochissime!) con il consiglio - da uomo -: tenete sempre attenta l'attenzione sulla vostra condizione di donna vincente in un mondo di uomini falliti. Auguri a tutte le donne del mondo (... tranne alcune, pochissime!) nel giorno dedicato al loro sacrificio d'essere donne in un mondo di uomini ricordando a tutte/tutti che in ognuno di noi (uomini) esiste una parte di donna ed in ognuno di noi (donne) esiste una parte di uomo. Dopotutto se calpestiamo questo mondo... lo dobbiamo ad un uomo e ad una donna: non esiste un essere vivente che non sia uomo e donna al tempo stesso.
Auguri all'intero genere umano ma sopratutto a te, donna, che dell'essere umano sei il 99% di ciò che lui è, è stato e sarà.
Grazie di esistere, donna.

3 aprile 2014.
... volevo scrivere una brutta cosa contro qualcuno (o alcuni) che se la meritava ma... credo sia stupido sprecare la mia mente e la tastiera del mio notebook per questo qualcuno (o per questi "alcuni"). Dopotutto... non sono bestie. Le bestie... meritano tutta la mia (anche se spesso negativa) considerazione.

4 aprile 2014.
Un papa comunista? ... l'ha detto Ciccarieddru Bergoglio: "Questo è il cuore del Vangelo, io sono credente in Dio e in Gesù Cristo, per me il cuore del Vangelo è nei poveri. Ho sentito due mesi fa che una persona ha detto: con questo parlare dei poveri, questo Papa è un comunista! No questa è una bandiera del Vangelo".
... mi correggo: il comunista era Cristo. Ma allora perché non è stata ancora annullata la scomunica nei confronti dei rossi con falce e martello?

7 aprile 2014.
La domanda che mi pongo da qualche giorno a questa parte è... è più imbecille l'imbecille o è più imbecille chi giustifica gli imbecilli? ... e non ditemi che sono imbecilli entrambi... questa non è altro che una risposta da imbecille!

12 aprile 2014.
In questi mesi ho letto (ed in parte sto leggendo) alcuni libri di Giampaolo Pansa sulla guerra civile svoltasi in Italia tra il 1944 ed il 1947 (anno più anno meno). In tale periodo in buona parte (... la parte peggiore, direi, visto che parliamo di Nord) della nostra penisola si ebbe una vera mattanza di confratelli: in Lombardia, Friuli, Piemonte, Emilia Romagna e via dicendo... nessuno poteva ritenersi veramente al sicuro. bambini, donne e persino soggetti che stavano dalla propria parte potevano da un momento all'altro (magari per semplici ripicche personali che non c'entravano nulla con la situazione politica dell'epoca) potevano trovarsi seviziati, torturati e - sarebbe il caso di dirlo - finalmente fortunatamente uccisi. Tutti erano nemici del nuovo ed il nuovo non era diverso dal vecchio... anzi!
Domanda: possibile che nessuno ci abbia mai parlato di guerra civile alla scuola in Italia? ... se è vero ciò che scrive Giampaolo Pansa nei suoi libri (e non ho elementi per non crederci)... lasciatemelo dire: che Italia (specie quella del Nord, visto che è nel Nord che sono nati il Fascio ed il sanguinario PCI anti-Fascio)... m***a!

12 aprile 2014.
E' morto (giorno 11?) Saverio Strati... l'ultimo vero scrittore calabrese (e, credetemi, siamo ben lontani da un Corrado Alvaro o qualcuno di tale calibro), almeno per ora. Fu uno dei primi scrittori in cui m'imbattei quando frequentai le scuole superiori a Cosenza: era il 1974 o il 1975. Gli strinsi la mano e lessi il suo capolavoro "Il selvaggio di santa Venere". prima del suo libro credo che l'unico libro realmente passato tra le mie mani fosse stato "Cuore" di Edmondo De Amicis. Poi? ... tantissimo ma... cavolo: sono proprio un ignorante!

17 aprile 2014.
... ok, ammettiamolo pure: la madre degli imbecilli è sempre incinta.
Però... fatemelo dire: e se il padre degli imbecilli ogni tanto usasse un pre******ivo o una sera ogni tanto guardasse una bella partita alla TV? ... sono sicuro che il vuoto lasciato da qualche imbecille in meno in giro per la terra... non lo noterebbe nessuno!

18 aprile 2014.
Più passa il tempo... più passo il tempo su Facebook e più mi rendo conto di quanto sia strano questo stupendo (assurdo) mondo virtuale.
Se scrivi una stupidità in un post, ad esempio, vieni preso per uno stupido e vieni "cristianamente" compatito e caritatevolmente accettato.
Se dici una verità... cavolo quanti nemici ti fai! ... almeno nove volte su dieci.
Ok: qualcuno diceva "molti nemici molto onore"... ma a furia di farsi nemici quel qualcuno ha finito per fare una brutta fine... in piazza Loreto a Milano.
Ed io? ... tremo al solo pensarci. Dopotutto in piazza Loreto (anche se a Cosenza) ... ci lavoro.
Ergo? ... i miei nemici non dovranno neanche fare tanta fatica per portarmici!
... by Pietro Perri.

20 aprile 2014.
Gesù? ... non credo sia risorto e pertanto che sia Figlio di Dio (inteso come Essere Supremo o Grande Architetto dell'Universo) se non come siamo figli di Dio tutti noi... anche chi non meriterebbe di esserlo. Ciò che credo (al di là se la sua storia sia una semplice favola costruita a tavolino prendendo spunto da religioni preesistenti) è che comunque è stato un grande uomo che ha pagato per la sua grandezza.
*     *     *
… un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
… /pace!

San Fili (CS) SP 35 Km 22 - ovvero - La spada di Damocle.


San Fili (CS)  SP 35 Km 22 - ovvero - La spada di Damocle.

L’articolo che riporto di seguito è stata pubblicato, a firma del nostro compaesano prof. Francesco Commis, sul Notiziario Sanfilese (ovvero il bollettino dell’Associazione Culturale UNIVERSITAS SANCTI FELICIS di San Fili) del mese di Aprile 2018.
Anche in quest’articolo si parla della situazione di triste abbandono di cui è caduto vittima il nostro territorio.
Un triste abbandono che può di fatti tramutarsi in una storia triste di una tragedia annunciata... se non si interviene in modo responsabile al più presto.
*     *     *
L'espressione spada di Damocle deriva dalla leggenda greca. In seguito diventata  metafora per indicare un grave pericolo incombente.

Cartello segnaletico annerito 
riportante la scritta “SP 35 -Km 22”: 
esempio di archeologia 
post-incendio, con resti di foresta 
pietrificata.

Secondo il racconto di Cicerone, Damocle è un membro della corte di Dionigi I, tiranno di Siracusa. Egli sostiene, in presenza del tiranno, che quest'ultimo sia una persona estremamente fortunata, potendo disporre di un grande potere e di una grande autorità: Dionigi gli propone allora di prendere il suo posto per un giorno, così da poter assaporare tale fortuna, e Damocle accetta.
La sera si tiene un banchetto durante il quale Damocle incomincia a tastare con mano i piaceri dell'essere un uomo potente; solamente al termine della cena egli nota, sopra la sua testa, la presenza di una spada sostenuta da un esile crine di cavallo. Dionigi l'aveva fatta sospendere sul suo capo perché capisse che la sua posizione di tiranno lo esponeva continuamente a grandi minacce per la sua incolumità. Immediatamente Damocle perde tutto il gusto per i cibi raffinati che sta assumendo, nonché per i bellissimi ragazzi che gli stanno intorno e chiede al tiranno di poter terminare lo scambio, non volendo più essere "così fortunato".
(Da Wikipedia enciclopedia)

Ma a San Fili non interessa a nessuno.
E alle istituzioni sanfilesi e non sanfilesi?
*     *     *
Perdonatemi il prologo, forse non era necessario.

Particolare: alberi caduti e incastrati
 a varie altezze nel versante, con 
annessi smottamenti in atto.
Tutti conoscono la leggenda di Damocle e di Dionigi, tiranno di Siracusa. A scuola i professori di lettere la ripetevano in continuazione, per ricordare agli  alunni che non è cosa sensata esporsi a gravi pericoli.  Ancor più se tali pericoli sono conosciuti  e ben visibili.
Nel nostro caro paesello il buonsenso a non esporsi a inutili pericoli non esiste più. Non perché i  sanfilesi siano usciti di senno, ma perché chi deve tutelare i cittadini dai rischi non si impegna concretamente. Mi riferisco alla situazione di grave pericolo cui è esposto chi transita lungo la SP 35, in prossimità del Km 22, località nota  con il nome "timpe russe", lato Villa Miceli.
Nel mese di Agosto 2017, un pauroso incendio  devasta  queste contrade e riduce il bosco a un cumulo di tronchi  anneriti, simili a una foresta pietrificata. Quel giorno solo la fortuna del cambio della direzione del vento, che nel tardo pomeriggio  prende a spirare da Ovest verso Est  e  l'intervento seppure tardivo e poco coordinato di vigili del fuoco,  protezione civile e del comune ha evitato alle fiamme di raggiungere  le abitazioni di località Cozzi, Volette, Canalicchio.
Con azione tempestiva, il 19 Settembre 2017, il Comune di San Fili con "l'Ordinanza Sindacale n. 73"  ordina la pulizia dei fondi percorsi dal fuoco e il taglio degli alberi a rischio crollo sulla strada provinciale.
Smottamento sotto "il Borghetto":  
ad oggi non risulta nessun 
convogliamento delle acque. 
L'Ordinanza Sindacale è diretta ai proprietari di terreni confinanti con la strada provinciale 35, ai proprietari di seminativi, giardini privati e fondi agricoli confinanti con tale arteria stradale. Ma ritengo anche alla Provincia di Cosenza, Ente gestore della strada.
Siamo arrivati ad Aprile 2018 e la famosa "Ordinanza Sindacale n. 73/2017" non ha sortito nessun effetto.  Tutto è rimasto com'era a Settembre 2017. Quel che resta del rigoglioso bosco sono alberi bruciati, irti e anneriti tronchi che danno al paesaggio un aspetto lunare.
Nella scarpata prossima al Km 22 molti alberi sono caduti e si sono fermati a ridosso della sede stradale. Altri sono trattenuti da quelli più in basso, incastrati a varie altezze, in un precario equilibrio che basta un colpo di vento, un forte temporale, uno smottamento del terreno per causare qualche disastro molto serio. Sono ben visibili nel versante numerosi piccoli franamenti di terreno sabbioso che, in mancanza di vegetazione, le piogge continuano a erodere e indebolire. Il quadro di rischio è tale da far prevedere una evoluzione verso qualche dissesto di maggiore entità.
Insisto nel dire di non cullarsi troppo. A tal proposito voglio ricordare lo smottamento verificatosi lo scorso inverno sotto il "Borghetto", sempre lungo la SP 35. In quel frangente, si sono riversati sulla provinciale diverse centinaia di metri cubi di fango, roccia, tronchi di varia grandezza e anche alberi con tutte le radici. Solo la mancanza di traffico, in quelle primissime ore del giorno, ha evitato seri danni a cose e persone.
E' bene dire che le Ordinanze non bisogna solo emanarle e notificarle agli Uffici, Enti e istituzioni competenti di controllo del territorio. E' necessario anche attivare una efficace azione di controllo, in modo che istituzioni e soggetti privati a cui è diretta siano portati ad agire, per rendere efficace il provvedimento.
Particolare: alberi caduti e incastrati
 a varie altezze nel versante, con 
annessi smottamenti in atto.
Alla data odierna, considerato lo stato dei luoghi, risulta che nulla è stato fatto. Forse sarà stata spedita qualche lettera di sollecito, indirizzata ai proprietari o agli Enti competenti, ma la sostanza evidenzia che si tratta di atti "fumosi" e di nessuna efficacia.
L'aver emanato un' Ordinanza a tutela della pubblica incolumità non esonera l'Amministrazione comunale o chiunque chiamato a farla rispettare, da responsabilità in caso di danni.
Purtroppo nel nostro amato "belpaese" la legge per come strutturata, tra udienze infinite, ritardi, cambio di giudici, diversi gradi di giudizio, inciampi vari e infine con il sopraggiunge della prescrizione,  insegna che nella maggior parte dei casi  il danno lo paga chi lo subisce.
Esiste però un altro giudizio, di carattere morale, che resterà sempre nella coscienza della gente a valutare l'operato di chi doveva agire e non lo ha fatto e ha eluso i propri compiti.
*     *     *
... un cordiale affettuoso abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

mercoledì 18 aprile 2018

Notizia flash!


... comunicazione rivolta alla cittadina di San Fili ed alla Comunità Sanfilese nel Mondo.
... è passata a miglior vita la nostra compaesana Francesca Chiappetta in Hänggeli.
... aveva 43 anni ed abitava in Svizzera.
... ai familiari il nostro più sentito cordoglio.
* * *
... sopra a sinistra, San Fili: il sacrario della chiesa del Ritiro o di Santa Maria degli Angeli.
... un caro abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

martedì 17 aprile 2018

Aforismi e d'intorni by Pietro Perri su Facebook - dicembre 2013.

Scrivendo quasi quotidianamente su Facebook con una certa regolarità immetto nello spazio relativo al "cosa stai pensando" alcune stupide e/o intelligenti intuizioni (aforismi?) che, mi sono detto, perché non li pubblico anche su questo (il mio) blog?
L'idea, ovviamente, non è detto che debba per forza piacere a tutti e quindi essere condivisa… da tutti (io… la condivido).
*     *     *
3 dicembre 2013.
Se vi chiedessi di pensare ad una santa famiglia (con o senza la S e la M maiuscole) a chi pensereste? ... sicuramente a Maria, Giuseppe e Gesù, vero? ... eppure... che strana famiglia: lei vergine (prima durante e dopo) tra l'altro sposa bambina (e non mi dite che si tratta di pedofilia: finireste all'inferno!), Giuseppe... casto per volontà divina (se è vero che con Maria non c'é mai stato a letto... non crederete che abbia frequentato qualcun'altra... da santo quale poi divenne) e Gesù (l'unico figlio di questa proverbiale famiglia)? ... se non si da' retta a Dan Brown e a delle dicerie di osteria di quart'ordine (come quelle che regolarmente io frequento), cavolo: vissuto e passato al Creatore (ovvero a suo Padre)... decisamente... vergine.
Alla faccia del biblico "crescete e moltiplicatevi".
Il più alto esempio di "famiglia cristiana" è... ma perché Dio me l'ha dato, maschilisticamente parlando?
Per quanto riguarda comunque Maria qualche dubbio sulla sua verginità mai persa malgrado tutto sembra che qualche dubbio ci sia. Sembra infatti che la stessa dallo Spirito Santo (soggetto che ricorda tanto le trasformazioni di Giove in soggetti umani o oggetti e forze presenti in natura quando lo stesso andava a... caccia... di BEEEP!) sia stata"resa donna" tramite l'accesso di un orecchio (non chiedetemi se quello destro o quello sinistro).
Domanda: vuoi vedere che la Maria pur essendo rimasta vergine dalla parte innominabile (chissà poi perché "innominabile")... ha perso la verginità dell'orecchio e quindi non è più... vergine?
... by Pietro Perri (che si assume tutte le responsabilità delle stupidità riportate in questo post!)!

4 dicembre 2013.
Nella vita bisogna sempre cercare di camminare a testa alta.
Dico cercare perché... potrebbe esserci in circolazione qualche architrave alquanto basso cui, se non stiamo attenti e continuiamo imperterriti a camminare a testa alta, ... ahi!
Nella vita alla fine hanno la meglio quasi sempre coloro che pur potendo camminare a testa alta senza bisogno - grazie alla loro statura - di abbassarsi mai... non raggiungeranno mai un punto d'impatto tra l'architrave e la propria testa.
... e poi, non dimentichiamolo mai (ovvero teniamolo sempre ben presente nella testa... sia essa di soggetto alto o soggetto basso): la strada più corta... nella vita... non è mai la strada dritta!
Nella vita... ogni tanto abbassarsi un pochino... non guasta!
... by Pietro Perri.

4 dicembre 2013.
"Bisogna cambiare per non cambiare" ovvero "Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi" ovvero "Bisogna cambiare... se vogliamo campare".
La prima frase surriportata è una interpretazione della frase centrale (ripresa da "il Gattopardo" di Giuseppe Tomasi di Lampedusa) con una alquanto libera mia interpretazione finale... nella terza frase tra parentesi.
"Bisogna cambiare... se vogliamo che tutto resti com'é e sopratutto che noi si continui a campare" cosa, quest'ultima, che sembra diventi sempre più difficile: in buona parte dell'osannata Europa, in Italia ed in particolare nel Sud d'Italia.
Giuseppe Tomasi di Lampedusa era un siciliano così come siciliani erano i personaggi del suo "elementare" (perché di ciò si tratta: Giuseppe Tomasi di Lampedusa con il suo più rappresentativo titolo letterario - forse l'unico - ... ha scoperto l'acqua calda o l'uovo di Colombo)... romanzo.
Togliamo a tale libro infatti i Mille, ed il resto? ... sono gli s-piccioli o semplicemente i piccioli della Trinacria.
L'opera "il Gattopardo" focalizza l'Italia disunita dell'epoca tenendo conto esclusivamente del Piemonte e della pianura padana, di Roma... e del resto di niente.
La Calabria, e gran parte del Meridione d'Italia, oggi come allora fanno parte... del resto di niente.
Dopotutto non ha scritto un viaggiatore inglese (... o era tedesco?) di fine Settecento: "L'Europa finisce a Napoli... e vi finisce pure male. Il resto? ... è solo un ponte per la Sicilia".
I garibaldini passarono anche per San Fili (in particolare vi passò e soggiornò - anche se per una sola notte - il figlio di Garibaldi... Meno-tti): San Fili (ma anche Cosenza, Catanzaro e Reggio) faceva e continua a far parte non dell'Italia ma... del ponte immaginario costruito da pessimi amministratori per collegare Napoli con la Sicilia... la cultura con la cultura!
... by Pietro Perri!

4 dicembre 2013.
Dopotutto non ha scritto un viaggiatore inglese (... o era tedesco?) di fine Settecento: "L'Europa finisce a Napoli... e vi finisce pure male. Il resto? ... è solo un ponte per la Sicilia".
I garibaldini passarono anche per San Fili (in particolare vi passò e soggiornò - anche se per una sola notte - il figlio di Garibaldi... Meno-tti): San Fili (ma anche Cosenza, Catanzaro e Reggio) faceva e continua a far parte non dell'Italia ma... del ponte immaginario costruito da pessimi amministratori per collegare Napoli con la Sicilia... la cultura con la cultura!

5 dicembre 2013.
Sembra (ma non ci metterei la mano sul fuoco) che John Lennon (il grande John) abbia detto: "Essere onesti può non farti avere molti amici, ma ti farà avere quelli giusti."
... mi sembra che non abbia fatto una bella fine il grande John. Chissà chi deve ringraziare per la sua fine: gli amici o... i nemici? ... è difficile e sopratutto pericoloso... essere onesti in un mondo di disonesti!

14 dicembre 2013.
Adoro gli ignoranti (e non mi riferisco certo a quelli con socratica visione) con cui posso confrontarmi quasi quotidianamente: loro con il loro dire e fare io... con il mio non dire e non fare. E' la loro presenza sul mio cammino che giustifica la mia presenza... sul mio cammino.
... by Pietro Perri.

20 dicembre 2013.
Se c'é un ateo nell'Universo (un vero ateo e non chi si spaccia per tale tranne ricordarsi del suo ipotetico creatore nel momento del bisogno) è sicuramente Dio.
Non ci credete? ... eppure se ci pensate bene è l'unico soggetto, Dio, cui non è dato di credere in un Essere Superiore: se ci credesse e ne avesse anche certezza... non sarebbe Dio o sarebbe al massimo un dio minore... ovvero giusto colui che poteva dar vita ad un mondo tanto imperfetto come il nostro.

21 dicembre 2013.
Ogni volta che mi decido finalmente a correggere i miei difetti (errori?) prima d'aver corretto o quantomeno aver cercato di correggere quelli delle persone che mi stanno difronte... mi rendo tristemente conto d'aver terminato sia il bianchetto che la gomma per cancellare.
Vi prego, amici, se veramente ci tenete al fatto che io finalmente mi metta di cuore e d'impegno a correggere i miei errori... sbagliate di meno!
... by Pietro Perri!

29 dicembre 2013.
Si può anche non crederci ma... non esiste il vuoto nell'Universo: specie quando lo spazio (falsamente vuoto) viene conteso tra un gruppo di pseudo-acculturati (non dico "intelligenti" poiché non sempre una buona dose cultura è accompagnata da una buona dose d'intelligenza... anzi!).
E quando gli acculturati lasciano vuoto il posto che gli spetterebbe di diritto se solo fossero un po' intelligenti per capire tale principio, gli ignoranti in azione si mettono... in azione... e s'impadroniscono di tale spazio.
Da qui prende vita il germe dell'autodistruzione del genere umano: una nuova età della pietra si colloca davanti al nostro esterrefatto... sguardo.
*     *     *
... un cordiale affettuoso abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!

Una SAN FILI a CINQUE STELLE? ... breve nota sulle ultime politiche.


Questa breve nota (su cui sarebbe comunque utile riflettere e magari - lo dico per i Sanfilesi “residenti” - ragionarci in modo intelligente in un pubblico convegno/dibattito) è stata pubblicata, a firma dello scrivente Pietro Perri, sul Notiziario Sanfilese (ovvero il bollettino dell’Associazione Culturale UNIVERSITAS SANCTI FELICIS di San Fili) del mese di Aprile 2018.
*     *     *
Il 4 marzo 2018 si sono svolte in Italia le elezioni politiche ovvero le elezioni per il rinnovo dei membri del Senato e della Camera dei Deputati.
Tale tornata elettorale, inutile dirlo, ha visto interessato anche l’elettorato sanfilese.
In Italia a farla da padrone, alla conta dei voti (una conta ancora ad oltre un mese dal voto  - grazie ad una farraginosa legge elettorale -ancora non del tutto certa), sono stati la coalizione di Centro Destra (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia ed aggregati) e l’M5S ovvero il Movimento Cinque Stelle mentre la coalizione di Centro Sinistra, capitanata dal PD di Matteo Renzi, ha registrato una sonora batosta.
Per quanto riguarda il Senato a livello nazionale la coalizione di Centro Destra ha preso il 37,49% dei voti validi, il M5S il 32,22% e la coalizione di Centro Sinistra il 22,99%. Per quanto riguarda la Camera dei Deputati troviamo la coalizione di Centro Destra al 37%, il M5S al 32,68% la coalizione di Centro Sinistra al 22,85%.
“L'affluenza in Italia si è attestata al 72,93% per la Camera dei deputati e al 72,99% per il Senato, in calo di circa il 2,3% rispetto le elezioni del 2013, risultando la più bassa nella storia repubblicana italiana (dal 1948)” (fonte Wikipedia).
Ma, dicevo, si è votato anche a San Fili, e quindi, essendo questo un bollettino rivolto alla Comunità Sanfilese nel Mondo, è giusto riportarne di seguito i dati in particolare.
Iniziamo a dire che i votanti a San Fili per quanto riguarda la Camera dei Deputati sono stati 1569 ovvero il 72,23% degli aventi diritto al voto. Ci sono state 19 schede bianche, 63 schede nulle e 7 schede contestate.
Al M5S sono andati 770 voti (15 in più alla candidata Anna Laura Orrico) e quindi il 53,1% dei voti validi, alla coalizione di Centro Destra 328 voti (2 in più al candidato Paolo Naccarato) ossia il 22,6% dei voti validi e 258 voti alla coalizione di Centro Sinistra (10 in più al candidato Giacomo Mancini junior) cioè il 17,77% dei voti validi.
Non riporto, per ovvi motivi di spazio, i voti dei piccoli partiti al di fuori delle coalizioni. Chi vuole tali dati li può facilmente trovare sulla rete. Riporto comunque, sempre per quanto riguarda la Camera dei Deputati, i voti dei tre, ormai, partiti classici: il M5S ha preso 770 voti, Forza Italia 217 ed il PD 226.
Vediamo adesso cosa è successo, a San Fili per quanto riguarda l’elezione dei membri del Senato della Repubblica.
I votanti sono stati 1429 ovvero il 71,73% degli aventi diritto al voto. Ci sono state 22 schede bianche, 76 nulle e 4 schede contestate. Al M5S sono andati 695 voti (11 in più al candidato Nicola Morra) quindi il 53,33% dei voti validi, alla coalizione di Centro Destra sono andati 286 voti (4 voti in più alla candidata Fulvia Michela Caligiuri) ossia il 21,77% dei voti validi ed alla coalizione di Centro Sinistra 249 voti (6 voti in più alla candidata Sonia Ferrari) e quindi il 19,09% dei voti validi.
Anche in questo caso non riporto, per ovvi motivi di spazio e per inutilità dell’informazione, i voti dei piccoli partiti al di fuori delle coalizioni. Chi vuole tali dati li può facilmente trovare sulla rete.
Riporto comunque, sempre per quanto riguarda il Senato della Repubblica, i voti dei tre, ormai, partiti classici: il M5S ha preso (come detto) 695 voti, Forza Italia 191 ed il PD 223.
Dovere di cronaca: gli aventi diritto al voto erano erano1992 per il Senato e 2172 per la Camera dei Deputati.
Per spiegare, o quantomeno cercare di spiegare, cosa è successo a San Fili in questa tonata elettorale non basterebbero le otto pagine di questo bollettino. Ma poi... siamo proprio sicuri che interessi a qualcuno capire tutto ciò?
*     *     *
... un cordiale affettuoso abbraccio a tutti dal sempre vostro affezionato Pietro Perri.
... /pace ma... “si vis pacem para bellum”!